Covid, un team di ricercatori olandesi ha addestrato le api per rilevare il virus in pochi secondi

Un gruppo di ricercatori olandesi ha messo a punto un modo per addestrare le api per rilevare il virus del Covid.

Secondo quanto riferito da HuffPost, la start-up olandese InsectSense, in collaborazione con l’istituto di ricerca Wageningen Bioveterinary Research, ha sviluppato il progetto. Così sono stati addestrati 150 insetti attraverso una formazione che richiede solo pochi minuti, secondo i ricercatori.

Leggi anche: Il farmaco Remdesivir diventa dieci volte più potente contro il Covid in combinazione con i farmaci per l’epatite C: lo rivelano studi clinici

Dopo i cani in grado di rilevare casi di positività al Covid, ora è il turno delle api che sono state sottoposte al metodo del riflesso condizionato di Pavlov con cui si è ottenuta la risposta richiesta alla presentazione di uno stimolo condizionante. Le api in quanto dotate di un olfatto estremamente sviluppato, come i cani, hanno la capacità di percepire gli odori in modo significativo, e tale capacità può essere utilizzata per rilevare il Covid.

le api per rilevare il virus

Api addestrate per rilevare il Covid in pochi secondi: il sistema diagnostico “BeeSense”

Gli scienziati hanno potuto osservare nelle api addestrate un tipo di formazione rapida della durata di pochi minuti. Le api sottoposte ad addestramento hanno dimostrato di essere in grado di rilevare l’odore del Covid ogni volta che venivano esposte a campioni positivi. Applicando il riflesso condizionato le api addestrate venivano ricompensate con acqua zuccherata ogni volta che riuscivano ad individuare il campione positivo al Covid.

La loro capacità si deve al fatto che il virus innesca un cambiamento metabolico nel corpo, portandolo ad emettere un certo odore che le api addestrate possono individuare. Gli insetti hanno finito per associare l’acqua zuccherata all’odore del virus.

I ricercatori hanno spiegato che gli insetti sporgevano la lingua non appena riuscivano ad identificare un campione positivo. Il team che ha sviluppato il progetto spera che il loro lavoro consentirà alle api di essere addestrate per rilevare il Covid in tutto il mondo. InsectSense ha già progettato un prototipo di macchina in grado di addestrare più api contemporaneamente.

Leggi anche: Come curare il Covid a casa, per ridurre il ricovero in ospedale: uno studio spiega come combattere la prima fase dell’infezione

“Non c’è pericolo che le api diffondano il virus”, ha rassicurato il professor Wim van Poel, in quanto le api non sono sensibili al virus. I ricercatori hanno ribadito la validità di un simile sistema diagnostico ribattezzato “BeeSense”, che potrebbe consentire ai Paesi meno sviluppati di assicurare una migliore protezione dal Covid.

Condividi: