Vaccino Astrazeneca, la raccomandazione dell’Ema: “Contattare il medico se sorgono i seguenti sintomi dopo la somministrazione”

Secondo le ultime raccomandazioni pubblicate dall’Ema a proposito delle possibili reazioni avverse legate al vaccino Astrazeneca, viene ribadito quali sono i sintomi da monitorare, che segnalano la risposta avversa al siero della multinazionale biofarmaceutica anglo-svedese.

L’Agenzia europea per i medicinali, a cui spetta la valutazione dei medicinali dell’UE, ha diffuso una nota stampa nella quale si precisa: “Le persone che hanno ricevuto il vaccino devono cercare immediatamente assistenza medica se sviluppano sintomi di combinazione di coaguli di sangue e piastrine basse”.

Leggi anche: Come funziona il vaccino anti-Covid della Pfizer-BioNTech? Cosa sapere su somministrazione, dosaggio e conservazione del farmaco

L’Ema si è soffermata poi sulla complicazione più grave che potrebbe sorgere dopo la somministrazione del vaccino Astrazeneca, a tal proposito nella nota si legge: “Il PRAC ha osservato che i coaguli di sangue si sono verificati nelle vene del cervello (trombosi del seno venoso cerebrale, CVST) e dell’addome (trombosi della vena splancnica) e nelle arterie, insieme a bassi livelli di piastrine e talvolta sanguinamento”.

Così l’Ema ha sottolineato che in fase di vaccinazione è bene ribadire gli effetti collaterali, e che spetta agli operatori sanitari il compito di monitorare eventuali sintomi di trombo embolia e trombocitopenia. Soltanto intervenendo in tempo è possibile trattare prontamente le persone colpite da tali complicanze.

COVID-19 AstraZeneca

Vaccino Astrazeneca: i sintomi di una possibile reazione avversa

I soggetti che si sottopongono al vaccino Astrazeneca, ed agli altri approvati, devono essere informati adeguatamente, e si deve rivolgere loro la raccomandazione di consultare un medico, in caso di sintomi di coaguli di sangue quali: mancanza di respiro, dolore toracico, gonfiore delle gambe, dolore addominale, mal di testa grave, visione offuscata.

Leggi anche: Oltre l’80% dei pazienti Covid ha una carenza di vitamina D, una sostanza che svolge un ruolo cruciale per innalzare le difese immunitarie

Si tratta di un quadro di sintomi che potrebbe sorgere dopo pochi giorni dalla vaccinazione, rappresentando un campanello d’allarme delle manifestazioni di una grave reazione allergica.

Si deve richiedere con urgenza l’assistenza medica in presenza di reazioni avverse che possono prevedere un’associazione di uno dei seguenti sintomi:

  • fiato corto
  • respiro sibilante
  • sensazione di svenimento o stordimento
  • cambiamenti nel battito cardiaco
  • gonfiore di labbra, viso o della gola
  • orticaria (oppure altra eruzione cutanea)
  • nausea o vomito
  • mal di stomaco

 l vaccino Astrazeneca, come tutti i farmaci, può determinare l’insorgenza di possibili effetti indesiderati: dei sintomi che non devono essere trascurati dal soggetto, che deve consultare un medico senza perdere tempo.

Leggi anche: I nuovi sintomi del Covid: nei pazienti si registrano meno tosse e febbre, ma più stanchezza, nausea e vomito

Condividi: