Aglio, 27 consigli per utilizzare al meglio uno straordinario ingrediente dalle mille virtù terapeutiche

Gli usi terapeutici dell’aglio sono davvero tanti e confermati da diversi studi scientifici che dimostrano che l’utilizzo di questo ingrediente naturale vanta una lunga lista di effetti di tipo farmaceutico.

L’aglio non solo è conosciuto per essere un antibiotico naturale ma anche un potente antisettico in grado ad aiutare l’organismo a lottare contro ogni tipo di in­fezione di origine virale e batterica.

Un’azione confermata da vari studi scientifici che hanno segnalato che l’aglio è in grado di inibire i batteri Gram-positivi quali: stafilo­cocco, streptococco, listeria, Escherichia coli.

Non si deve poi trascurare la sua azione antiparassitaria ed antimicotica vantaggiosa in caso di infezioni della sfera otorinolaringoiatrica.

Quindi si può assumere come rimedio della nonna in caso di: influenza, raffreddore, problematiche delle prime vie aeree.

La funzione antisettica del bulbo è utile anche per sconfiggere le infezioni intestinali come: intossicazio­ni alimentari, gastroenterite virale, ulcera gastrica virale.

L’aglio è un toccasana anche in caso di malattie infettive da ascrivere a focus infettivi veicolati da parassiti trasmessi da insetti. Come rimedio naturale si può impiegare per trattare diversi problemi cutanei quali: micosi, verruche, gengivite.

Tra gli usi terapeutici dell’aglio si deve menzionare anche la sua funzione immunostimolante valida per rinforzare le difese immunitarie.

Aglio 27 consigli per utilizzare al meglio

Secondo alcuni dati scientifici, l’aglio è un alleato prezioso per i soggetti con HIV perché in grado di aumentare il numero delle cellule assassine a cui si deve la reazione contro agenti patogeni e cellule cancerose.

Da quanto rilevato da uno studio sui pazienti sieropositivi, è emerso che il consumo regolare di estratto d’aglio invecchiato consente di ripristinare un livello normale di cellule killer.

Il recente interesse degli esperti nei confronti del bulbo ha riguardato inoltre le sue proprietà anticancro.

Molti studi scientifici si sono soffermati sulle virtù antitumorali dell’aglio, di cui si può beneficiare con il suo consumo costante: è emerso un rapporto inverso tra il consumo di aglio e l’incidenza di alcuni tipi di cancro a carico del tratto gastrointestinale.

L’aglio crudo a pieno titolo merita l’appellativo di alleato cardiovascolare: il suo consumo regolare assicura effetti po­sitivi ad ampio raggio nella prevenzione e nel trattamento delle malattie cardiovascolari.

La stessa Organiz­zazione Mondiale della Sanità attribuisce al bulbo un valore terapeutico efficace nei casi di iperlipidemia e di aterosclerosi.

Il bulbo se consumato regolarmente attiva un effetto ipocolesterolemizzante, grazie alla sua azione fluidificante sul sangue e dilatatrice sui vasi sanguigni e le arterie.

Inoltre nella lista degli usi terapeutici dell’aglio si evidenzia quella di abbassare la pressione arteriosa ed a contrastare i disturbi circolatori.

In più è un alleato contro le complicazioni del diabete, che rappresentano un grave fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Aglio, 27 consigli per utilizzare al meglio

27 usi terapeutici dell’aglio

Contro acne e brufoli

L’aglio mette a disposizione delle potenti proprietà antisettiche ed antinfiammatorie capaci di contrastare le infezioni e di accelerare la guarigione.

In tal caso si può seguire un vecchio trucco della nonna: basta tagliare uno spicchio di aglio e applicarlo sulle lesioni strofinando leggermente ma solo sui grossi brufoli infetti. Ma se si prova una sensazione di bruciore è meglio rinunciare al trattamento per non irritare la pelle.

In caso di ferite, piccoli tagli, escoriazioni

Tra gli usi terapeutici dell’aglio si consiglia di sfruttare il potere disinfettante ed antisettico del bulbo in caso di piccole ferite, tagli ed escoriazioni.

Si deve strofinare uno spicchio tagliato in due facendolo agire per qualche minuto. In alternativa si può impiegare l’olio essenziale di aglio sulla zona interessata.

Contro l’eczema: gli usi terapeutici dell’aglio 

L’aglio è indicato come consiglio della nonna per dare sollievo ai sintomi tipici dell’eczema.

Si suggerisce di sbucciare e tritare due spicchi da inserire dentro un pentolino dove far bollire dell’acqua, lasciando in infusione per cinque minuti. Dopo aver filtrato la soluzione si può immergere del cotone e passarlo due volte al giorno.

Per favorire la guarigione dell’herpes labiale

Si segnalano tra gli usi terapeutici dell’aglio quelli vantaggiosi in caso di infezione virale causata dall’Herpes simplex che causa la comparsa di vescicole sulle labbra, si può ricorrere all’applicazione di questo rimedio.

Come soluzione green si raccomanda di applicare mezzo spicchio d’aglio nuovo ad ogni applicazione.

Per prevenire il cancro: usi terapeutici dell’aglio 

Secondo i dati di diversi studi scientifici il consumo regolare di aglio può contribuire a prevenire diversi tipi di cancro.

Nello specifico i componenti solforganici (allicina) dell’aglio sono capaci di sostenere l’organismo contro il cancro a carico di: pelle, seno, stomaco, colon, fegato.

Alcuni studi rivelano tra gli usi terapeutici dell’aglio quello di consumare 6 spicchi a settimana è salutare per ridurre il rischio di cancro del colon-retto del 30% e di cancro allo stomaco del 50%.

Per stimola la cre­scita dei capelli

L’aglio assicura diversi effetti benefici per la chioma: è un prezioso ingrediente hair care dalle vantaggiose virtù antibatteriche utili per purificare il cuoio ca­pelluto e contrastare la forfora.

Inoltre l’aglio stimola la cre­scita dei capelli e ne riduce la caduta. Questo perché l’Allium sativum oltre ad agire da antiforfora, stimola anche la mi­crocircolazione sollecitando la crescita dei capelli.

Si consiglia di preparare una maschera a base di aglio, si devono sbucciare e tritare 5 spicchi riducendoli in crema, per poi aggiungere 50 ml di olio d’oliva e mescolare bene.

Il composto deve riposare a tem­peratura ambiente un paio di giorni per poi applicarlo come maschera massaggiando il cuoio capelluto. Dopo aver lasciato in posa 30-45 minuti si può ri­sciacquare e procedere con lo shampoo.

Usi terapeutici dell’aglio in presenza di calli e duroni

Uno degli usi terapeutici dell’aglio consiste nello sfruttare le sue virtù callifughe che agiscono per eliminare i calli ed i duroni. Per usufruire di questo effetto si deve applica­re localmente, crudo o sotto forma di olio essenziale.

Si consiglia di pelare e tritare finemente uno spicchio d’aglio applicandolo sulla zona colpita per poi fare una fasciatura per tenere l’impacco fisso durante la una notte.

Si può anche usare l’olio essenziale d’aglio, basta qualche goccia da applicare direttamente sulla zona interessata; in caso di pelle sensibile si deve diluire con un olio vegetale.

Altri modi utili per sfruttare le proprietà di tipo medicamentoso del bulbo

Come disintossicante

Tra gli usi terapeutici dell’aglio si deve citare anche la sua funzione disintossicante vantaggiosa per eliminare le tossine che si accumulano nell’organismo.

Per purificarsi anche contro sostanze inquinanti e minerali pesanti si possono sfruttare le sue proprietà antibatteriche efficaci a livello inte­stinale.

Una cura di aglio è essenziale come trattamento detox, ma si può anche utilizzare la tintura madre d’aglio orsino per una cura di tre settimane: la posologia prevede 15-20 gocce diluite in acqua, il trattamento si deve ripetere tre volte al giorno.

In caso di sintomi da infezioni di tipo intestinale

Come disinfettante dell’intestino è un portentoso rimedio green quando si soffre di disturbi digestivi ed a carico di tutto il sistema gastrointestinale. Si suggerire di mangiate aglio fresco oppure seguire per breve tempo una cura di aglio in gellule.

Per favorire una migliore digestione

La medicina ayurvedica raccomanda questo prodotto naturale in caso di difficoltà nella digestione in quanto il bulbo è ricco di enzimi di­gestivi che favoriscono la secrezione dei succhi gastrici.

In più, la sua azione antisettica inibisce lo sviluppo dei batteri nell’apparato digerente. In particolare, l’aglio orsino in gellule è un alleato per alleviare i dolori di stomaco e facilitare la digestione.

Per far abbassare la febbre: gli usi terapeutici dell’aglio

Un vecchio rimedio della nonna a base di aglio si tramanda in caso di febbre.

Si deve solo pestare in un mortaio 5 spicchi di aglio sbucciati con 5 rametti di prezzemolo a cui aggiungere una manciata di sale grosso ed un cucchiaio di cenere. La poltiglia si deve poi applicare sui polsi e coprire con una garza ed un cerotto.

In caso di gotta

Per sciogliere l’eccesso di acido urico nel san­gue, che si cristallizza in forma di urato ed è responsabile di dolore acuto e gonfiore, si può beneficiare delle virtù dell’allicina.

Oltre a consumarlo crudo si può usare il bulbo come cataplasma sbucciando e frullando 3 spicchi d’aglio, a cui aggiungere una patata cotta e schiac­ciata.

Poi si deve stendere sulla zona dolorante l’impasto e fasciare con una garza, il trattamento deve agire una notte e si può ripetere fino a quando il dolore non passa.

Come alleato per l’igie­ne orale

Grazie alle sue proprietà antibatteriche ed antinfiammatorie, l’aglio è un toccasana contro: afte, carie, ascessi, gengiviti. Si raccomandano degli sciacqui con l’aglio schiacciato lasciato in macerazione con l’aceto bianco.

Per dare sollievo in caso di mal di denti

In caso di mal di denti si può dare sollievo al dolore grazie ad un eccellente rimedio naturale. Basta mettere un pezzetto di aglio fresco nella zona dolorante, fino a che il dolore non si placa.

Come altra soluzione si consiglia di schiacciare uno spicchio d’aglio per usare il succo per fare un impacco sulla parte interessata.

In caso di ipertensione: gli usi terapeutici dell’aglio 

L’aglio abbassa la pressione, quindi i medici lo consigliano ai pazienti che soffrono di ipertensione lieve per beneficiare dei suoi fruttani e minerali con proprietà vasodilatatrici e fluidificanti.

Il consumo regolare di aglio incrementa il calibro delle arterie favorendo un migliore flusso del sangue. In più, grazie alle sue proprietà diuretiche riduce il volume dell’acqua nell’organismo abbassando così la pressione ar­teriosa.

Per trattare i sintomi delle infezioni respiratorie

Per prevenire e trattare le infezioni respiratorie tipicamente invernali l’aglio è un valido ri­medio. È infatti utile in caso di: raffreddore, influenza e bronchite; in più potenzia le difese immunitarie.

Si consiglia come cura la tisana di aglio e cannella che agisce come prevenzione.

Invece in caso di sintomi di infezione respiratoria si suggerisce di tritare due spicchi d’aglio per poi inalarli aggiungendo qualche goccia di olio essenziale di eucalipto o di menta piperita.

In caso di naso tappato

Se si hanno difficoltà a respirare si consigliano dei bagni di vapore all’aglio. Dentro una bacinella si possono schiacciare 2 spicchi d’aglio crudo, aggiungendo poi 2 cucchiai di aceto bianco e 2 cucchiai di acqua bollente.

Servendosi di un asciugamano di spugna si deve tenere la testa piegata per respirare i vapori. Si può ripetere il trattamento due volte al giorno fino a quando i sintomi non diminuiscono.

Come beneficiare degli usi terapeutici dell’aglio in caso di tosse

In caso di tosse secca, le nonne raccomandano come rimedio una tazza di latte all’aglio che si prepara semplicemente aggiungendo delle lamelle di aglio dentro un pentolino con il latte da lasciar cuocere a fuoco moderato per qualche minuto. Infine si può edulcorare con un cucchiaio di miele.

Inoltre si suggerisce di mangiare al mattino, a digiuno, uno spic­chio d’aglio crudo, masticandolo bene prima di inghiottirlo.

Per curare il mal di gola

Il mal di gola è un sintomo che ricade nel quadro sintomatologico di diverse condizioni da trattare per tempo ed efficacemente con un portentoso rimedio a base d’aglio.

Si suggerisce di preparare una pasta frullando 6 spicchi d’aglio, 2 cucchiai di miele ed il succo di mez­zo limone. Basta un cucchiaino del rimedio da far sciogliere in gola per beneficiare dei suoi effetti.

Contro malattie cardiovascolari e colesterolo

Tra gli usi terapeutici dell’aglio si segnalano quelli che agiscono a livello preventivo contro le malattie cardiovascolari, in quanto contrasta i principali fattori di ri­schio cardiovascolare come il colesterolo e l’ipertensione.

Per tale motivo, gli esperti invitano a consumare l’a­glio meglio se cru­do anche tutti i giorni.

In caso di cattiva circolazione sanguigna

Per prevenire e trattare le conseguenze legate ad una cattiva circolazione è di grande aiuto consumare aglio, che garantisce una funzione di tipo fluidificante.

Oltre a mangiare regolarmente aglio crudo, si possono anche assumere degli integratori ali­mentari ma anche la tintu­ra madre.

Altri vantaggiosi usi dell’aglio

Per trattare le micosi: gli usi terapeutici dell’aglio 

Le micosi, tra cui il piede d’atleta, sono da ascrivere alla proliferazione del Trichophyton rubrum o del Trichophyton mentagrophytes. Per sconfiggere questi funghi si possono sfruttare al meglio le proprietà antifungine dell’aglio.

In commercio infatti si trovano delle pomate all’ajoene che risultano più efficaci delle più comuni pomate antifungine. Si può anche adoperare l’olio essenziale d’aglio oppure uno spicchio tagliato in due.

In caso di Candida albicans

Tra gli usi terapeutici dell’aglio si raccomanda il suo impiego in caso di Candida albicans.

Per risolvere e prevenire le ripercussioni di questo fungo è di grande aiuto inserire l’ingrediente nella propria alimentazione quotidiana dal momento che sono numerosi gli usi terapeutici dell’aglio .

Per rafforzare le unghie

In caso di unghie fragili e per favorirne la crescita si può usare come trattamento green efficace quello di strofinate le unghie con mezzo spicchio d’a­glio ogni sera.

Dopo questo passaggio si possono eseguire dei mas­saggi con olio d’oliva e succo di limone per schiarirle se appaiono opache.

In caso di punture d’insetto, come sfruttare tutti gli usi terapeutici dell’aglio 

Grazie alle sue proprietà antisettiche si può usare questo rimedio per disinfet­tare eventuali punture di zanzare, api, vespe in modo da placare il gonfiore e dare sollievo al prurito.

Per beneficiare degli usi terapeutici dell’aglio si deve solo tagliare uno spicchio d’aglio in due e strofinarlo sulla zona della puntura (dopo aver rimosso il pungiglione).

Gli usi terapeutici dell’aglio in caso di verruche

Queste escrescenze dovute ad un’infezione del papillomavirus umani si possono trattare beneficiando delle proprietà antivirali del bulbo o del suo olio essenziale.

Per beneficiare degli usi terapeutici dell’aglio si può tritare uno spicchio riducendolo in poltiglia da applicare sulla zona interessata e fissare con una garza.

Come trattamento contro i segni dell’invecchiamento

Nel bulbo si concentrano numerose sostanze antiossidanti utili per combattere gli effetti dannosi dei radicali liberi responsabili del processo di invecchiamento.

Inoltre questo coacervo di principi attivi protegge il cervello contro l’azione negativa del tempo che passa.

Si può quindi inserire l’aglio nella propria dieta quotidiana per approfittare di questi suoi preziosi effetti bene­fici.

Leggi anche:

Condividi: