Vero o falso: ecco cosa si può fare una volta vaccinati contro il Covid

I vaccinati contro il Covid si trovano alle prese con diversi interrogativi su quello che possono o non possono fare, facendo ai propri medici un’infinità di domande.

Dopo un avvio in salita, la campagna vaccinale nel nostro Paese ha preso un ritmo più spedito, secondo gli ultimi rilevamenti i vaccinati contro il Covid in Italia sono in crescita: sono oltre 13 milioni gli italiani vaccinati con almeno una dose, il 21,7% della popolazione; tra i cittadini che hanno ricevuto almeno una dose si registra il 65,5% tra gli over 70.

Secondo gli infettivologi è necessario attendere la fine maggio 2021 per delineare un prospetto in grado di appurare gli impatti delle vaccinazioni sui contagi e sui decessi, nell’ottica del raggiungimento dell’immunità di gregge.

Leggi anche: Effetti collaterali post vaccino Covid-19: come gestirli al meglio secondo gli esperti

Tra polemiche, sospensioni ed effetti collaterali, gli esperti continuano a proclamare che i vaccini attualmente impiegati nella campagna vaccinale proteggono al 100% dalle forme gravi, mentre garantiscono una copertura del 95% dal rischio di contrarre l’infezione. Dunque si può correre il rischio di essere infettati dal Covid-19, anche dopo la vaccinazione.

cosa fare dopo vaccinati contro il Covid

Cosa si può fare una volta vaccinati contro il Covid

Se si vuole davvero difendersi dal rischio di infezione è necessario impegnarsi a mantenere i gesti di protezione, mettendo in atto quotidianamente la corretta prevenzione, che consiste nel seguire le norme anti Covid. Per questo motivo si conferma una raccomandazione sempre valida quella di mantenere i gesti di protezione anche da vaccinati.

E pur vero che le persone non vaccinate a basso rischio di complicanze, come i vaccinati, sono meno esposti al rischio di infezione. Mentre un soggetto non vaccinato oppure ad alto rischio di contrarre il Covid-19, in quanto anziano o fragile, deve fare maggiore attenzione nel farsi interprete di un comportamento virtuoso, attraverso i comuni gesti di barriera.

Quindi quando si entra in contatto con gli altri, non sapendo se sono vaccinati o no, è bene sempre indossare la mascherina. Ma va indossata anche quando si è completata la somministrazione del vaccino? La mascherina deve essere indossata come primo gesto di protezione personale, ma gli esperti ritengono che può essere abbandonata come forma di barriera, una volta che l’effetto del vaccino è stato completamente raggiunto, ossia due settimane dopo la seconda iniezione.

Leggi anche: Covid, gli anticorpi dei lama sono considerati il nuovo “farmaco miracoloso” in grado di neutralizzare efficacemente il virus

Molti poi si domandano se si è protetti per sempre dal Covid una volta vaccinati, ma questo è falso. È noto infatti che i vaccini anti Coronavirus assicurano uno scudo protettivo per almeno sei mesi, ma per sapere la reale durata dell’immunità, si deve aspettare fino a quando non si avranno più dati su tale tema.

Leggi anche: Uno spray nasale riduce il rischio di infezione da Covid dell’80%: lo rivela un recente studio che dà speranza nella lotta contro la pandemia

Condividi: