I cinque errori più frequenti che commettiamo durante il lavaggio delle mani

Lavarsi le mani è molto importante, sia in tempi di coronavirus, sia in tempi normali

In quest’ultimo periodo, non fanno che consigliarci di lavarci le mani. E noi, lo facciamo. Il problema sorge quando commettiamo alcuni sbagli che all’apparenza possono sembrare insignificanti. Ecco quindi quali sono i principali errori che commettiamo durante il lavaggio delle mani.

Trascorriamo gran parte del nostro tempo a toccare superfici sporche senza nemmeno rendercene conto. Ad esempio, sapete che il nostro telefono cellulare contiene più batteri del corrimano di un autobus o dei servizi igienici di un bagno?

I 5 errori più frequenti che commettiamo durante il lavaggio delle mani

Solitamente, virus e batteri entrano nel nostro corpo attraverso le mucose. Purtroppo la maggior parte di noi non si rende conto di quante volte in una giornata finisce per toccarsi naso, bocca e occhi.

Proprio per questo motivo è molto importante lavarsi spesso le mani. Tuttavia non è la quantità a fare la differenza ma la qualità.

5 errori più frequenti lavare mani

Lavarsi le mani nel modo sbagliato per 15 volte al giorno non ha gli stessi effetti di 5 lavaggi fatti per bene. Ecco quindi quali sono gli errori più frequenti che commettiamo durante il lavaggio delle mani.

IL TEMPO

Lavarsi le mani è un’operazione che richiede solo 5 secondi? No, e questo è uno dei peggiori sbagli che possiamo fare.

Strofinarsi le mani per meno di 30 secondi è un errore comune. Ci vogliono dai 40 ai 60 secondi per eliminare efficacemente germi e virus che circolano nelle nostre mani.

Un buon lavaggio consiste nel bagnare le mani, usando abbastanza sapone, strofinando le unghie, le punte delle dita, i palmi delle mani, gli spazi tra ciascun dito e il dorso delle mani per almeno 30 secondi.

ASCIUGAMANO UMIDO

Ma dopo aver lavato le mani correttamente, la rimozione di batteri e virus non finisce qui. Poiché i microbi si diffondono anche a causa dell’umidità, stare con le mani bagnate riduce l’effetto di un buon lavaggio.

Allo stesso modo, usare un asciugamano umido usato anche da altre persone equivale a non essersele lavate affatto. Il modo migliore per concludere un perfetto lavaggio delle mani è quello di usare un asciugamano unico per ogni persona o della carta usa e getta.

LA SAPONETTA

Piena di batteri e di germi, non è sicuramente il massimo dell’igiene. Di cosa stiamo parlando? Della saponetta, ovviamente.

Di conseguenza è preferibile utilizzare sapone liquido, ma anche di rimuovere anelli, orologi e bracciali, tutti oggetti su cui è facile che possa depositarsi lo sporco.

L’ORDINE DEL LAVAGGIO

L’ordine in cui ci laviamo le mani con acqua e sapone è essenziale. L’acqua è necessaria per consentire al sapone di aderire meglio.

Ma è il sapone il vero responsabile dell’eliminazione dei batteri. Infatti l’acqua purifica solo le mani ma non uccide i microbi.

Se tocchi un rubinetto direttamente con le dita dopo esserti lavato le mani, specialmente in un bagno pubblico, tutti i tuoi sforzi si riducono a nulla. Usa un tovagliolo di carta per chiudere il rubinetto e anche per aprire la porta.

ABUSO DI GEL DISINFETTANTE

Da quando il coronavirus ha invaso il pianeta, il gel disinfettante ha iniziato a scarseggiare e il prezzo è salito alle stelle. In ogni caso, sebbene la sua efficacia sia dimostrata, non dovrebbe essere usate maniacalmente.

Uno studio pubblicato nel 2007 ha messo in guardia sull’uso abusivo di questo tipo di prodotto. Molti contengono sostanze tossiche e pericolose per la nostra salute.

Inoltre la presenza di virus e batteri consentono la generazione degli anticorpi. L’abuso di disinfettante provoca un abbassamento delle difese immunitarie del nostro organismo, aumentando il rischio di incorrere in altre infezioni.

Leggi anche:

24Salute.com è su Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie
Back to top button
Close