Iperventilazione e ansia, imparare a gestirle nel modo giusto

Cercare di controllare la respirazione è la cosa principale durante l'iperventilazione. È importante conoscere i fattori scatenanti dell'ansia per evitarli e quindi evitare attacchi futuri

Mancanza di respiro, sensazione di soffocamento, necessità di assumere ossigeno in grandi sbuffi, tremori, tensione muscolare … Questi e altri sintomi sono quelli che compaiono con iperventilazione e un attacco di ansia.

L’iperventilazione è infatti un fenomeno respiratorio che si verifica durante un attacco di panico e di ansia. Le emozioni intense e incontrollate possono infatti portare a uno squilibrio respiratorio in cui la persona che ne soffre può arrivare a credere di aver bisogno di ossigeno.

Iperventilazione e ansia: come si affrontano?

Come prima cosa è importante capire che l’iperventilazione non è assolutamente una condizione grave, ma solamente un sintomo.

iperventilazione e ansia

E’ infatti caratteristica in condizioni come attacchi di panico e ansia. Di seguito spieghiamo in cosa consiste l’iperventilazione, i suoi sintomi e cosa puoi fare contro di essa.

L’iperventilazione si verifica quando, respirando, rimuoviamo più anidride carbonica di quanto il nostro corpo produca.

Alcuni studi, come quello condotto dall’unità di psicologia del King’s College Hospital, a Londra, suggeriscono la possibilità che l’iperventilazione possa insorgere comunemente durante un attacco di panico o uno stato di ansia molto elevato.

La nostra respirazione subisce un leggero cambiamento che innesca l’intero processo. Diamo un’occhiata più da vicino a ciò che succede in determinati momenti:

  • Quando respiriamo normalmente c’è un equilibrio tra i due gas principali: O2 e CO2.
  • Quando sperimentiamo un attacco di panico, l’equilibrio viene decomposto, in modo che i nostri polmoni inizino a soffrire e compaia anche un’alterazione dei gas O2 e CO2 nel sangue.
  • Questo squilibrio viene rilevato dal cervello e la sua reazione è di ridurre l’impulso di respirare in modo che questi gas ritornino alla normalità.
  • Quando il cervello ordina a questo comando di “rallentare”, sentiamo che stiamo annegando, che il nostro corpo rifiuta di respirare normalmente.
  • Di fronte a questa sensazione, ci impegniamo al contrario per aprire la bocca e trovare più ossigeno, aggravando ulteriormente lo squilibrio.
  • Il sentimento di paura quando vediamo che “affoghiamo” aggrava ulteriormente il panico, una situazione disperata che ci spaventa, ma che, secondo gli esperti, non è grave.

Non si muore per l’iperventilazione anche se la paura è tanta.

Quali sono i sintomi dell’iperventilazione?

Le sensazioni che si verificano con l’iperventilazione sono spiacevoli e angoscianti. Soprattutto perché la persona non conosce la sua origine.

Questi sono i sintomi e gli eventi fisiologici che potrebbero essere avvertiti nell’iperventilazione:

  • Sensazione di soffocamento.
  • Pressione sul petto.
  • Sudorazione fredda o sensazione di caldo e freddo allo stesso tempo.
  • Formicolio in tutto il corpo.
  • Rampe.
  • Palpitazioni.
  • Debolezza nelle gambe.
  • Visione offuscata
  • Tensione muscolare.

Cosa fare durante un attacco?

Nel caso in cui iperventilazione e / o attacchi di panico siano frequenti, è opportuno consultare uno specialista. In linea di principio, non vi è motivo di allarmarsi per un attacco d’ansia che si verifica con iperventilazione.

Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti con l’iperventilazione. Poiché non sono approvati da un professionista, è importante tenere presente che potrebbero non funzionare per te, quindi ti consigliamo di recarti sempre da un professionista.

Semplici chiavi per la gestione di un attacco di iperventilazione

  • Quando noti che i tuoi nervi, la paura e l’ansia sono già ad un livello molto alto nel tuo corpo, prova a respirare regolarmente, con calma .
  • Se permetti ai tuoi polmoni di inspirare rapidamente, accentuerai la sensazione di soffocamento e sofferenza.
  • Cerca di rimanere calmo, pensa che non succederà nulla, che non avrai un infarto. Respira lentamente.
  • Respirare attraverso le labbra increspate, come se stessi per spegnere una candela.
  • Puoi anche coprire la bocca e una narice (una parte del naso), in modo che l’altra sia scoperta. Questo ti costringe anche a respirare più lentamente, aumentando la quantità di CO2 nei polmoni e bilanciando i gas.

Una delle soluzioni più popolari è quella di utilizzare un sacchetto di carta per aiutare la respirazione a tornare alla normalità.

Può sembrare strano per te, ma è un metodo semplice e ampiamente utilizzato. Metti la bocca e il naso nella borsa per qualche minuto.

Questo ci farà ispirare la nostra CO2 e poco a poco l’equilibrio nel nostro corpo verrà ripristinato.

È anche vero che alcuni professionisti non lo raccomandano e preferiscono il semplice atto di regolare noi stessi la respirazione senza l’aiuto di una busta. Ma in una situazione di emergenza, è sempre utile.

Conclusione

L’iperventilazione si verifica con un attacco d’ansia. Se abbiamo già avuto un’esperienza simile, è molto probabile che accada di nuovo ad un certo punto.

Non dovremmo esitare a chiedere un aiuto professionale, ci sono terapie molto efficaci per queste condizioni.

Rilevare la radice originale del problema, affrontarlo e includere tecniche adeguate per gestire meglio le emozioni nella nostra vita quotidiana ci aiuterà molto.

Leggi anche:

Back to top button