Il nuovo test anticorpale per il Covid-19: grazie alla sua elevata sensibilità e precisione è in grado di rilevare le varianti del virus

Advertisement

L’ospedale universitario di Losanna (CHUV) e l’EPFL hanno sviluppato congiuntamente un nuovo test anticorpale per il Covid-19, talmente sensibile da misurare la quantità di anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2 nel flusso sanguigno. Il test permette quindi di valutare la risposta del sistema immunitario dal momento che gli anticorpi vengono prodotti da una classe di globuli bianchi, chiamati plasmacellule, in risposta ad una reazione dei linfociti B.

Leggi anche: “Ecco chi rischia di più di contrarre il Covid”: lo studio su 13 regioni del DNA che rendono il virus più grave

Attraverso gli esami del sangue è possibile rilevare la presenza di anticorpi contro un agente infettivo, come nel caso del virus SARS-CoV-2. Alcuni anticorpi indicano semplicemente se la persona è stata esposta al virus o se si è sottoposta al vaccino. Invece i cosiddetti anticorpi neutralizzanti forniscono immunità all’infezione ed alla reinfezione. Nel caso dell’infezione da Covid-19 gli anticorpi neutralizzanti hanno la capacità di indebolire significativamente la proteina Spike del virus. Si precisa che questa ha la grande capacità di legarsi ai recettori ACE2 sulla superficie cellulare, in modo da penetrare facilmente nelle cellule del sistema respiratorio.

test anticorpale coronavirus

Il nuovo test anticorpale per il Covid-19

Il nuovo test per il Covid-19 sviluppato dallo studio svolto dall’ospedale universitario di Losanna e dall’EPFL ha dimostrato una sensibilità del 96,7% ed una specificità del 100%. Questo è ciò che scrivono gli scienziati sulla rinomata rivista “Science Translational Medicine“.

Leggi anche: Trappole di DNA per bloccare i virus: la nuova tecnologia per intrappolare i virus e renderli innocui

Il nuovo test anticorpale è un metodo altamente sensibile ed estremamente preciso per misurare accuratamente un campione di siero di sangue, e così rilevare il legame della proteina Spike ai recettori ACE2. Il test è stato provato sui campioni di siero di sangue di 206 persone infettate dal Covid-19 e dopo poche ore ha dato i risultati.

Si è in questo modo dimostrato se un paziente aveva sviluppato l’immunità ad una o più varianti del virus SARS-CoV-2. Questo metodo richiede un semplice esame del sangue e può essere facilmente utilizzato su larga scala. Attualmente il test è disponibile solo presso il Dipartimento di Immunologia e Allergologia del CHUV, e lo si può eseguire solo su richiesta di un medico. Il test costa 100 franchi svizzeri e non è coperto dalle assicurazioni sanitarie svizzere.

Leggi anche: Contagi Covid in risalita: tra i nuovi ricoverati e vittime i soggetti non vaccinati e chi si è sottoposto ad una sola dose vaccinale

Advertisement
Condividi: