10 benefici dei probiotici, gli alleati della nostra salute che favoriscono il benessere dell’intestino, del cervello e del corpo in generale

Per migliorare la salute sono utili i probiotici che assicurano numerosi benefici

Per migliorare la salute si raccomandano i probiotici che assicurano diversi benefici. Infatti attivano la funzione immunitaria e riducono il rischio di malattie.

I probiotici fanno parte dell’intestino e formano i trilioni di microrganismi che formano il microbioma.

Molte di tali cellule sono considerate dei “batteri buoni”. Questi sostengono la funzione di tipo immunitario. Inoltre aumentano l’assorbimento dei nutrienti. Ma allo stesso tempo aiutano nella sintesi di neurotrasmettitori.

I probiotici si possono assumere per aumentare la quantità di batteri buoni. Questi si trovano anche in alimenti fermentati quali: il tempeh, il natto, il miso, il kombucha.

I benefici per la salute dei probiotici riguardano prima di tutto l’intestino. Il 70-80% di tutto il nostro sistema immunitario si trova nel nostro tratto digestivo.

Si deve poi considerare che il sistema digestivo è la seconda parte più grande del sistema neurologico. Si tratta del sistema nervoso enterico che si trova nell’intestino.

L’intestino è considerato il secondo cervello. Perché è responsabile della creazione di 95% della serotonina. Quindi può avere un impatto decisivo sulla funzione sia del cervello sia sull’umore.

Molti problemi di salute sono legati alla funzione intestinale. La cattiva salute intestinale condiziona i sistemi di tutto il corpo. Questo perché il microbioma umano ha 360 volte più geni codificati rispetto ai geni umani.

La continua esposizione a tossine ed a molecole che causano infiammazioni ed infezioni del cibo e dell’ambiente influenza la digestione.

Possono sorgere delle malattie come l’intestino permeabile che espone a flogosi. L’infiammazione è la radice della maggior parte delle malattie autoimmuni ed infiammatorie intestinali.

Per la salute digestiva è necessario bilanciare i batteri buoni e quelli cattivi con il consumo quotidiano di alimenti ricchi di probiotici ed integratori.

probiotici

10 benefici dei probiotici per la salute generale

Potenziano la salute digestiva

Il primo grande vantaggio dei probiotici è quello di promuovere la salute digestiva. Secondo un’analisi svolta dalla Dalhousie University in Scozia, i probiotici sono utili nel trattare e nel prevenire le malattie gastrointestinali.

Questi batteri buoni offrono la protezione contro le malattie infiammatorie intestinali. Tra cui la colite ulcerosa e la malattia di Crohn. Una ricerca in corso studia il ruolo dei probiotici in caso di malattia celiaca.

Le prove scientifiche indicano che i probiotici sono efficaci contro varie forme di diarrea ed i sintomi associati.

Inoltre i probiotici danno sollievo in caso di stitichezza. Come segnalato da una meta-analisi. Quindi riducono il dolore e la gravità dei sintomi della sindrome dell’intestino irritabile. Inoltre eradicano l’Helicobacter pylori.

Riducono la resistenza agli antibiotici

L’OMS considera la resistenza agli antibiotici una grande minaccia per la salute. Oggi, i batteri sono resistenti agli antibiotici per l’uso eccessivo di tali farmaci.

È utile il ricorso ai probiotici per ripristinare i batteri dell’intestino. Ma anche per prevenire i problemi associati all’uso di antibiotici. Inoltre, questi integratori evitano che i batteri del corpo diventino più resistenti.

Stimolano l’immunità nell’infiammazione

I probiotici ed i prebiotici sono un frequente tema di indagine. Gli scienziati si riferiscono ad entrambi in quanto simbiotici.

Una ricerca del 2015 ribadisce che LAB, Bifidobatteri e nuovi ceppi possono essere una terapia per prevenire le malattie legate all’immunità per l’effetto antinfiammatorio.

Infatti l’infiammazione cronica è responsabile di molte malattie e condizioni di salute. Un sistema immunitario forte è utile per la qualità della vita degli anziani. Oggi la scienza sta appurando se i probiotici possono migliorare la salute intestinale dei soggetti sieropositivi.

Gli effetti positivi per adulti e bambini

Favoriscono una pelle più sana

Tra i benefici per la salute dei probiotici ci sono quelli sulla pelle. Soprattutto quella dei bambini.

I supplementi sono efficaci per prevenire la dermatite atopica pediatrica. Ma sono utili anche in caso di eczema infantile.

L’integrità dei batteri a livello intestinali è poi associata allo sviluppo dell’acne. Anche se non è chiara la causa.

Alcuni di questi batteri come i L. casei sono capaci di ridurre l’infiammazione della pelle specifica dell’antigene. Da uno studio è emerso che avere un ambiente intestinale equilibrato assicura una pelle sana.

Proteggono dalle allergie alimentari

Se si hanno scarsi batteri buoni si è più esposti ad allergie. Quindi i probiotici riducono i sintomi di allergie di tipo alimentare. Come anche l’infiammazione cronica nell’intestino. Inoltre si ha una migliore risposta di tipo immunitario sia negli adulti sia nei bambini.

Per la cura delle malattie gravi nei bambini

Gli integratori ad hoc sono efficaci contro due malattie gravi nei neonati. Si tratta dell’enterocolite necrotizzante (NEC) e della sepsi neonatale.

Uno studio mostra che se un madre prende dei probiotici di qualità nel corso della gravidanza, suo figlio ha una minore probabilità di sviluppare le due malattie.

Inoltre è decisiva la loro azione mentre il bambino viene allattato. Le prove indicano che è necessario un probiotico adatto.

Per quanto riguarda la sepsi si segnala che le madri prendano un simbiotico a base di L. plantarum.

Abbassano la pressione sanguigna

Una ricerca mostra che i probiotici riducono la pressione sanguigna. Inoltre migliorano i profili lipididi. In più sono in grado di ridurre la resistenza all’insulina.

Così si regolano i livelli di un ormone come l’innina. Questa è una proteina che è secreta dai reni per abbassare la pressione del sangue. I ricercatori prevedono di usare dei ceppi ad hoc per trattare l’ipertensione.

Ulteriori benefici dei probiotici

Per il trattamento del diabete

Vari studi hanno confermato che i probiotici sono utili in caso di diabete. Uno studio su quasi 200.000 individui con 15,156 casi di diabete di tipo 2, ha rilevato che l’assunzione di yogurt ricco di probiotici riduce il rischio di diabete.

Secondo una meta-analisi del 2014, i probiotici sono utili nei diabetici. Infatti migliorano la loro sensibilità all’insulina. Ma anche per ridurre la risposta autoimmune.

Si deve ora scoprire se i probiotici si possono usare per prevenire e per controllare i sintomi del diabete. Inoltre si deve dimostrare se combinati con i prebiotici possono controllare la glicemia.

Migliorano la malattia epatica grassa non alcolica

La malattia epatica grassa non alcolica (NAFLD) è dovuta ad un accumulo di grasso nel fegato. Le sue complicanze possono causare: la cirrosi, l’insufficienza epatica, la morte.

Da uno studio del 2013 è emerso che l’uso di probiotici può risolvere i fattori dei malati. Si assicura una modulazione del microbiota intestinale. Questo dato è una nuova cura per la steatosi epatica.

Possono migliorare malattia mentale

Delle conferme di tipo scientifico ribadiscono l’importanza della connessione tra il cervello e l’intestino. Una ricerca del 2015 ha evidenziato le interazioni tra l’intestino ed il cervello. Che possono influenzare la genesi di vari disturbi.

Come nel caso del disturbo dell’umore, dei disturbi dello spettro autistico, del disturbo del deficit di attenzione. Ma possono causare anche la genesi della sclerosi multipla e dell’obesità.

Non sono stati svolti degli studi negli esseri umani. Quelli sugli animali indicano che i probiotici leniscono i sintomi dell’ansia. Così si riduce l’infiammazione della connessione tra il cervello e l’intestino.

Inoltre i benefici si notano anche nella riduzione dei sintomi della depressione. Un dato che è emerso da una meta-analisi 2016.

Sempre sulla base di studi sugli animali sembra che i probiotici siano in grado di influenzare alcuni dei sintomi dell’autismo. Migliorare la qualità dei batteri intestinali potrebbe modificare i comportamenti nell’autismo.

Uno studio su un ragazzo con grave autismo, che è stato curato con i probiotici per problemi digestivi ha indicato un dato positivo. Si è ottenuto un punteggio migliore della scala ADOS. Per maggiori conferme sono ancora in corso degli studi.

24Salute.com è su Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie
Back to top button