I benefici della camomilla, gli usi e le controindicazioni di questa bevanda

Non solo un calmante, ma una bevanda particolarmente benefica

Conoscete i benefici della camomilla? Se credete che sia una bevanda che apporta solo un senso di rilassatezza vi sbagliate di grosso.

Capelli, pelle e bocca. Sono alcune delle zone del nostro corpo che riflettono particolarmente le proprietà della camomilla. Scopritele tutte.

I benefici della camomilla

Uno dei suoi principali meriti è quello di farci rilassare e di favorire la digestione. La camomilla ha delle proprietà che favoriscono l’espulsione dei gas intestinali, che alleviano le coliche, la nausea e gran parte dei disturbi digestivi.

benefici della camomilla

Ma a cosa sono dovute queste proprietà? E’ presto detto, alla sua capacità di agire come rilassante muscolare. Inoltre la camomilla ha proprietà antinfiammatorie che riducono l’infiammazione delle mucose di stomaco e intestino.

Inoltre, grazie alla colina, una vitamina che contiene, la camomilla è un’ottima alleata contro il colesterolo. La colina infatti elimina e riduce il livello dei grassi nel sangue.

Inoltre grazie alla sua azione estrogenica e calmante.è particolarmente conosciuta per alleviare i dolori mestruali e anche quelli premestruali.

Non dimentichiamoci poi delle sue proprietà antisettiche. Chi non l’ha mai utilizzata per fare degli impacchi agli occhi?

La camomilla è indicata, infatti, in caso di orzaiolo, miopia, congiuntivite e affaticamento oculare. Ma anche in caso di mal di denti e di dolori articolari.

E per quanto riguarda i capelli? Li pulisce e riduce le irritazioni del cuoio capelluto.

Usi

La camomilla viene solitamente usata sotto forma di tisana, oppure tramite impacchi e lavaggi. Attraverso l’uso interno, aiuta la digestione, riduce l’infiammazione intestinale e allevia il nervosismo.

Con l’uso esterno si trova giovamento in caso di eruzioni cutanee, ferite, rossori e bruciature. Inoltre un uso pressoché sconosciuto è quello del vapore.

I vapori della camomilla sono benefici in caso di raffreddore, asma e tosse. Sempre sotto forma di infuso si possono fare gargarismi utili ad alleviare  infezioni orali e gengivali, ma anche clisteri e lavande intime.

Controindicazioni

In realtà non esistono vere e proprie controindicazioni sull’uso della camomilla. L’unico fastidio potrebbe verificarsi in caso di allergia o ipersensibilità.

Tuttavia qualcuno tende a sconsigliarla anche in gravidanze, perché alcuni studi sostengono che possa provocare contrazioni uterine. Anche se stiamo parlando di dosi elevate.

Per quanto riguarda i bambini, attenersi sempre alle dosi suggerite dal pediatra o si rischia di ottenere l’effetto contrario, quello di un maggior nervosismo.

Potrebbe interessarti anche:

Back to top button