Crampi notturni alle gambe, 5 consigli pratici per prevenirli e per dare sollievo ai muscoli in caso di fitte improvvise

Per scongiurare la comparsa di crampi notturni alle gambe si possono adottare delle raccomandazioni e delle abitudini che si dimostrano di grande aiuto

Tra le cause che possono alterare il sonno si devono segnalare i crampi notturni alle gambe. Si tratta di fitte improvvise e dolorose che causano disagio alterando la qualità del risposo notturno.

Ma con alcuni semplici suggerimenti è possibile risolvere questa problematica da imputare a diversi fattori.

I crampi notturni alle gambe possono alterare il sonno e causare frequenti risvegli, incidendo sulla qualità del proprio riposo. Come conseguenza al risveglio si potrebbe riscontrare qualche disagio come: stanchezza, sonnolenza, mancanza di concentrazione.

Molte persone nel cuore della notte, mentre si trovano a letto, risentono di queste improvvise fitte a carico degli arti inferiori. Di solito i crampi notturni colpiscono i muscoli del polpaccio e possono irradiarsi ai piedi oppure alle dita dei piedi.

Questo fenomeno ha origine da una contrazione muscolare involontaria che non comporta necessariamente uno sforzo fisico, ed è anche di natura spasmodica.

Quindi il crampo risulta non solo doloroso ma può creare anche immobilità del muscolo per pochi secondi o qualche minuto. In genere con l’età si registra un aumento della frequenza di spasmi muscolari.

5 consigli per crampi notturni alle gambe

I principali fattori che causano la problematica

Tra i fattori principali responsabili dei crampi notturni alle gambe ci sono alcune cattive abitudini.

Ad esempio se si è costretti a stare in piedi troppo a lungo. Ma anche se si esegue uno sforzo fisico prolungato, o se si pratica un’attività fisica troppo intensa e per lungo tempo, si è esposti di più a crampi.

Ma i crampi alle gambe sono scatenati anche da altri fattori come: se non si beve abbastanza acqua o se si segue una dieta a basso contenuto di fibre e di sali minerali.

Anche alcuni farmaci o delle malattie, come le neuropatie, possono favorire la comparsa di crampi muscolari notturni a carico delle gambe.

Nella maggior parte dei casi, le cause più comuni e non patologiche sono: una carenza di sali minerali; un insufficiente apporto di sangue ai muscoli; la bassa funzionalità dei nervi; la disidratazione; uno sforzo muscolare eccessivo.

Se le manifestazioni sono periodiche ed acute è bene identificarne la causa, che potrebbe essere di natura patologica.

In tal caso si potrebbe trattare di patologie neurologiche: la malattia del motoneurone, la neuropatia periferica, disturbi neurologici a carico dei muscoli delle gambe, la sindrome delle gambe senza riposo.

Talvolta l’eziologia è associata a: malattie epatiche, infezioni batteriche ed accumulo di tossine (mercurio e piombo possono causare problemi muscolari).

È importante quindi mettere in atto delle strategie per prevenirli. Inoltre è essenziale consultare uno specialista se si verificano regolarmente questi disagi.

L’applicazione di questi consigli permette di evitare la loro insorgenza e di dare sollievo ai muscoli.

5 consigli per contrastare e prevenire i crampi notturni alle gambe

1- Eseguire un corretto stretching degli arti

Eseguire un corretto stretching degli arti

Lo stretching è una buona abitudine da adottare, anche quando non ci si allena. Questo consente di dare sollievo ai muscoli degli arti e così evitare la comparsa di fitte e crampi che si verificano anche durante la notte.

Ad esempio si può eseguire un semplice esercizio. Basta sedersi per terra ed allungare entrambe le gambe, con le dita dei piedi puntate verso l’alto, e poi toccare i piedi con le mani. Questo esercizio allevia non solo la colonna vertebrale, ma anche gli arti inferiori.

Inoltre è di grande aiuto massaggiare le aree più colpite da questi dolori sia in presenza che in assenza di dolore. Alcuni punti precisi dei piedi possono curare delle specifiche problematiche.

2- Praticare con costanza dei rituali rilassanti

Per prevenire i crampi notturni alle gambe, sono vantaggiose delle abitudini rilassanti. Come nel caso di un bagno caldo a fine giornata, che si rivela un rimedio naturale per prevenire la comparsa di crampi in tutto il corpo.

La temperatura calda infatti libera dalla tensione muscolare accumulata durante il giorno. In alternativa ci si po’ sottoporre ad un impacco caldo da applicare a livello delle aree colpite dai crampi.

Un altro consiglio utile consiste nell’indossare delle scarpe ergonomiche che assicurano un migliore comfort durante la camminata.

3-  Adottare una dieta sana, variegata e ben bilanciata

Il cibo che si mangia gioca un ruolo sul proprio benessere generale. Per combattere i crampi notturni, si consiglia di diversificare la dieta e di assumere più cibi ricchi di magnesio, un minerale che lenisce la tensione muscolare e nervosa.

Inoltre si dovrebbe adottare l’abitudine di bere acqua sin da svegli per beneficiare così di molti vantaggi.

4- Praticare un’attività fisica regolarmente

Un’attività fisica regolare è il modo migliore per prevenire i crampi tra cui quelli notturni alle gambe e quelli in altri distretti.

Grazie al movimento, i muscoli si potenziano e così non risentono di questi dolori. È bene poi ricordaredi idratarsi regolarmente durante l’esercizio.

5- Non trascurare un buon riscaldamento giornaliero

Questo consiglio riguarda soprattutto chi si allena regolarmente. Gli sportivi devono eseguire gesti tecnici correttamente e devono usare attrezzature adeguate.

In più è fondamentale eseguire un corretto riscaldamento prima dell’esercizio. Senza dimenticare di aumentare gradualmente l’intensità degli esercizi da svolgere per non sforzare troppo i muscoli.

Back to top button