Vaccinazione Covid, gli esperti avvertono: “È necessario astenersi completamente dall’alcol per un certo periodo” e spiegano i motivi

I soggetti che si sono sottoposti a vaccinazione Covid devono rinunciare categoricamente all’alcol come raccomandano gli esperti, che segnalano anche il periodo di tempo durante il quale astenersi per evitare conseguenze.

Nel contesto attuale che vede delle battute d’arresto a livello mondiale nella campagna di vaccinazione contro il Coronavirus, a causa degli effetti collaterali associati al vaccino AstraZeneca, è bene informarsi.

Leggi anche: Vaccino Astrazeneca, la raccomandazione dell’Ema: “Contattare il medico se sorgono i seguenti sintomi dopo la somministrazione”

Gli esperti si stanno soffermando nel fare diverse raccomandazioni e non mancano quelle relative al consumo di alcol dopo la vaccinazione Covid.

In tal caso i medici avvertono che è necessario astenersi per almeno 56 giorni dal consumo di alcol, per evitare possibili effetti negativi sul sistema immunitario.

Il ritorno alla normalità per uscire dalla pandemia passa attraverso la vaccinazione Covid a cui sottoporsi informandosi adeguatamente. Dopo l’iniezione con uno dei vaccini approvati, i soggetti vaccinati dovrebbero prestare attenzione all’alcol: non dovrebbe essere assunto per un certo periodo.

Scienziati e medici ribadiscono che l’alcol ha un impatto enorme sul sistema immunitario come testimoniato da un documentario della BBC dal titolo “The Truth About … Boosting Your Immune System”. In esso si fa riferimento allo studio condotto da un team di ricercatori, che ha esaminato come le bevande alcoliche possono influire sul vaccino anti Covid.

Vino, birra ed altri liquori tendono infatti a “paralizzare” temporaneamente i globuli bianchi, a cui spetta il ruolo di difensori contro virus, batteri le malattie. Solo tre bicchieri di prosecco possono ridurre il numero di linfociti di circa il 50%.

Vaccinazione Covid gli esperti avvertono

Dopo la vaccinazione Covid è necessario non assumere alcol

A proposito della vaccinazione Covid, il mondo medico è concorde nel raccomandare di non assumere bevande alcoliche perché il sistema immunitario dovrebbe essere in forma per rispondere in modo ottimale al vaccino.

Pertanto, l’alcol dovrebbe essere evitato la sera prima o subito dopo la vaccinazione. L’ufficiale medico più influente della Russia, Anna Popova ha avvertito la popolazione a dicembre di astenersi dall’alcol prima e dopo la vaccinazione. Anche la stampa in Germania ha avvertito le persone vaccinate di fare a meno dell’alcol per 56 giorni.

Leggi anche: Come funziona il vaccino anti-Covid della Pfizer-BioNTech? Cosa sapere su somministrazione, dosaggio e conservazione del farmaco

L’alcol dovrebbe essere consumato con moderazione, sia nella vita di tutti i giorni che dopo una qualunque vaccinazione, per non debilitare le difese fisiche messe in campo dal sistema immunitario nella gestione di agenti patogeni indeboliti nei vaccini.

Il sistema immunitario può affrontare facilmente cibi elaborati, caffeina ed un bicchiere di vino rosso, ma se la loro assunzione è moderata, e non inibisce la routine della difesa fisica.

È noto che il consumo di alcol influisce sul sistema immunitario portando il corpo a produrre un numero ridotto di anticorpi, e questo rappresenta un handicap dopo la vaccinazione Covid.

Per questo, dopo la somministrazione del vaccino anti Covid si deve eliminare ogni bevanda alcolica che rappresenta un nemico in quanto ostacola la produzione di anticorpi contro il Coronavirus.

Anche se non sono descritte interazioni tra la vaccinazione Covid e l’alcol si devono tenere presenti gli effetti di tale sostanza sul sistema immunitario.

Leggi anche: Tè verde e cioccolato fondente contrastano il Coronavirus, lo rivela uno studio dei ricercatori della North Carolina

Condividi: