Il Covid può manifestarsi attraverso cambiamenti della pelle: l’orticaria sulle dita dei piedi è tra le eruzioni cutanee più comuni nei pazienti

Come nel caso di molte malattie virali (morbillo, rosolia, virus dell’herpes), anche in caso di Covid si manifestano delle caratteristiche eruzioni cutanee. Anche sulla pelle compaiono dei segni dell’infezione in corso tanto da parlare di “dita dei piedi Covid”

Un esperto dell’Università di Medicina di Innsbruck, in Austria, ha illustrato le conseguenze dell’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 sulla pelle. Il professor Matthias Schmuth, Direttore della Clinica Universitaria di Dermatologia, Venereologia e Allergologia, ha infatti spiegato che quando la pandemia è iniziata un anno fa, si sono rilevati non pochi episodi di cambiamenti della pelle associati all’infezione. Inizialmente gli studiosi ritenevano che venisse colpita una persona su cinque da cambiamenti della pelle in relazione ad un’infezione da SARS-CoV-2.

Leggi anche: Vaccino Covid, quando devono fare la somministrazione i soggetti già contagiati dal virus: le linee guida dell’Istituto superiore di sanità

Il professor Matthias Schmuth ha precisato che un’infezione da Coronavirus può causare eruzioni cutanee su tutto il corpo, ma anche provocare segni di sanguinamento o trombosi della pelle. Inoltre, la sindrome simile alla malattia di Kawasaki associata con il Coronavirus nei bambini ha fatto notare dei cambiamenti della pelle e delle labbra. L’orticaria può essere un segnale di avvertimento del focus virale, come ha spiegato Schmuth che ha ribadito che l’eruzione cutanea potrebbe essere  un segno precoce dell’infezione.

Covid cambiamenti della pelle orticaria

Covid e cambiamenti della pelle: qual è la correlazione

Il professor Matthias Schmuth ha riassunto come si verificano i cambiamenti della pelle. Si tratta di segni dovuti al fatto che il virus SARS-CoV-2 si lega al recettore ACE2 nelle cellule: un recettore presente anche nelle cellule della pelle dove attiva l’infezione. Il virus è infatti stato rilevato nelle cellule della pelle nel corso di alcuni studi che hanno evidenziato che l’infezione avviene anche tramite rinofaringe.

L’esperto si è soffermato anche su altre manifestazioni cutanee associate al Covid: “La causa delle trombosi osservate e del micro sanguinamento nella pelle è diversa: questi non sono effetti diretti, ma secondari dell’infezione”.

In sostanza, l’infezione potrebbe bloccare i vasi sanguigni e provocare dei danni alle pareti vascolari con manifestazioni di tipo cutaneo sotto forma di alterazioni cutanee dal viola scuro al nero. Nelle infezioni gravi, queste alterazioni cutanee non sono rare ed interessano soprattutto la punta delle dita delle mani o dei piedi; nei casi più severi questo potrebbe persino portare alla morte dei tessuti.

Leggi anche: La pillola anti Covid: la società produttrice del vaccino Pfizer annuncia la distribuzione del nuovo farmaco sul mercato per l’autunno 2021

La manifestazione delle cosiddette dita dei piedi Covid

Schmuth ha poi descritto la manifestazione delle dita dei piedi Covid affermando: “Questo è un fenomeno controverso. Dall’inizio della pandemia sono aumentati i casi in cui principalmente giovani pazienti si presentano con le dita rosso-violacee. Un PCR oppure un test dell’antigene spesso risulta negativo, così come il test degli anticorpi. Tuttavia, alcuni sospettano una connessione con l’esposizione a Covid-19”.

Si ipotizza perciò che le dita dei piedi Covid siano una reazione diretta del sistema immunitario contro il virus, soprattutto nei pazienti giovani. Ma non vi è chiarezza su tale argomento, e quindi lo scolorimento delle punta dei piedi potrebbe anche non avere nulla a che fare con il virus.

Leggi anche: Covid, uno studio rivela quali sono le cause della perdita dell’olfatto durante l’infezione virale

Condividi: