Cosa rischiano le donne in menopausa: i comportamenti scorretti dopo i 50 anni che espongono al rischio di ammalarsi e i consigli degli esperti

Un sondaggio svolto su un campione di donne residenti in Italia di età compresa tra i 40 ed i 70 anni ha svelato cosa rischiano le donne in menopausa, se non seguono uno stile di vita sano. I risultati del sondaggio condotto su 2.014 donne, che fa capo alla campagna nazionale dal titolo “Menopausa meno… male!” promossa dalla Fondazione Insieme contro il Cancro, ha fatto emergere una pericolosa inclinazione per dei comportamenti scorretti.

Le donne over 50 a causa di uno stile di vita malsano e trascurando la prevenzione sono esposte ad un alto rischio di ammalarsi. La menopausa rappresenta una fase critica nella vita femminile da affrontare con consapevolezza, per questo la campagna di sensibilizzazione ha puntato a soffermarsi maggiormente sulla valorizzare della salute delle donne in menopausa.

Leggi anche: Come combattere i problemi legati alla menopausa in 5 semplici mosse

Gli esperti consigliano di affrontare al meglio i cambiamenti fisici, psichici ed ormonali partendo da un’adeguata informazione, che permette di acquisire non solo la cultura della prevenzione, ma anche di promuovere una migliore gestione dei cambiamenti. Oggi la menopausa si vive con maggiore positività, come una nuova fase della vita, nella quale dedicarsi più a se stesse, ormai è superata l’accezione negativa dal punto di vista sociale.

Cosa rischiano donne in menopausa

Cosa rischiano le donne in menopausa senza una corretta prevenzione

Il report sulle donne in menopausa ha rilevato che il 59% del campione dichiara di sentirsi peggio di prima, ma per sei su dieci questa viene considerata una fase positiva nella vita di una donna. L’indagine ha rilevato dei dati poco incoraggianti per quanto riguarda gli stili di vita, visto che ha fatto registrare un 24% di fumatrici, mentre il 21% ha dichiarato di bere alcol regolarmente. Solo quattro partecipanti su dieci, del campione indagato, ha dichiarato di seguire una dieta sana ed equilibrata. Il sondaggio ha segnalato poi un altro dato negativo: il 46% non pratica sport oppure attività fisica.

I dati raccolti dall’indagine evidenziano una serie di comportamenti potenzialmente pericolosi per la salute delle donne in menopausa, per questo è necessario fare prevenzione in questo range di età, in modo da scongiurare il rischio di sviluppare un tumore.

Un’evenienza che si registra spesso, come segnalato da Francesco Cognetti, presidente di Insieme Contro il Cancro: “Ogni anno in Italia più di 64mila donne, d’età compresa tra i 50 e i 69 anni, si ammalano di tumore. Oggi le neoplasie devono fare meno rispetto al passato e infatti oltre il 60% delle pazienti è viva a 5 anni dalla diagnosi. Di queste donne almeno una su quattro è tornata ad avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale. Può quindi essere considerata guarita.

I comportamenti scorretti come tabagismo, abuso di alcol, eccesso ponderale, inattività fisica e dieta scorretta provocano ogni anno in Italia oltre 20mila decessi tra il genere femminile. Quindi se vogliamo sconfiggere le malattie oncologiche bisogna favorire la prevenzione sia primaria che secondaria anche dopo i 45-50 anni […]”.

Leggi anche: Menopausa, le vitamine essenziali in questa delicata fase della vita di una donna

Un’alta percentuale di donne non sa che esiste una stretta correlazione tra menopausa e rischio di sviluppare il cancro, per questo è importante sensibilizzare le donne dopo i 50 anni. Infatti la prevenzione oncologica è una strategia indispensabile per porre un freno a dei comportamenti scorretti, ma anche per aderire a campagne di screening.

I dati del sondaggio hanno rilevato nelle donne in menopausa una disattenzione verso gli esami clinici utili nella prevenzione dei tumori (mammografia, Pap test, test Hpv, esame del sangue occulto delle feci). Solo sottoponendosi a specifici programmi di screening è possibile prevenire lo sviluppo di tumori al seno, alla cervice uterina, al colon-retto. Gli esami considerati dei “salvavita” hanno fatto registrare una battuta d’arresto da un anno a questa parte, a causata della pandemia per le difficoltà del sistema sanitario nazionale.

Leggi anche: Dolore a mani e polsi: le cause del disturbo che colpisce soprattutto le donne ed i rimedi più efficaci per dare sollievo ai sintomi

Inoltre il contesto pandemico ha peggiorato gli stili di vita di tutti, per questo Alessandra Fabi, responsabile Medicina di Precisione Neoplasia della Mammella presso il Policlinico Universitario Gemelli di Roma, suggerisce alle donne in menopausa di dedicare più tempo nell’arco della giornata allo sport, perché riduce: ansia, depressione, stress e solitudine. In più, la pratica regolare di attività fisica riduce del 50% la mortalità ed il rischio di cancro al seno, abbassando del 60% la probabilità di cancro al colon nelle donne in menopausa.

Condividi: