Gli integratori da assumere dopo i 50 anni per preservare la salute delle ginocchia: una vitamina e un minerale indispensabili

La cura del corpo dopo gli “anta” è una missione fondamentale per salvaguardare il proprio benessere generale, soprattutto le donne devono prestare particolare attenzione a tutelare la salute delle ginocchia.

Per contrastare gli effetti del tempo sul proprio aspetto fisico e sul benessere è importante adottare una sana alimentazione, ricca di minerali e vitamine capaci di incidere positivamente su alcune strutture e funzioni fondamentali del corpo. In particolare, i nutrizionisti raccomandano dopo i 50 anni di assumere quotidianamente, seguendo un dosaggio regolare, una vitamina ed un minerale vitali: in grado di garantire la salute delle ginocchia. Si tratta della vitamina D e del silicio, che gli esperti considerano dei preziosi alleati per gli uomini e le donne che vanno incontro al passare degli anni.

Leggi anche: Assumere vitamina D per 3 mesi aiuta a risolvere numerosi problemi di salute. Gli esperti spiegano benefici e modalità

Tra i 40-50 anni iniziano a sorgere alcuni dolori articolari e muscolari che tendono a localizzarsi in specifiche sedi del corpo quali: schiena, cervicale, zona lombare, arti inferiori e superiori. Per contrastare dolori muscolari, contratture ed infiammazioni è fondamentale assumere degli alimenti strategici per la salute delle ginocchia, senza dimenticare di praticare con costanza una moderata attività fisica (sport in acqua, pilates e camminate).

Vitamina D e silicio per preservare la salute delle ginocchia

Vitamina D e silicio per preservare la salute delle ginocchia

A volte traumi e lesioni a carico degli arti inferiori, che mettono a rischio la salute delle ginocchia, si possono prevenire partendo da delle abitudini alimentari più sane. Si consigliano principalmente alimenti ricchi di vitamina D, che spesso si rileva come un deficit comune dopo i 50 anni, e di un minerale come il silicio indispensabile alle ossa.

Vitamina D: da integrare con la dieta

Anche se la principale fonte di tale vitamina è il sole, è possibile fare ricorso anche a degli alimenti che mettono a disposizione delle buone dosi della sostanza.

Sono considerati tra le principali fonti di vitamina D alimenti quali: pesce, uova e verdure a foglia verde scuro, olio di girasole.  Si può ricorrere anche agli integratori, ma solo dopo aver consultato un medico che raccomanderà il giusto dosaggio.

Leggi anche: Carenza di vitamina D: l’eccessiva assunzione di integratori può essere estremamente dannosa per la salute

Silicio: da integrare con alimenti strategici

Non solo il calcio è un ottimo alleato delle ossa ma anche il silicio, indispensabile soprattutto dopo i 50 anni.  Si tratta di un minerale presente nei mitocondri degli osteoblasti, le cellule che sostengono la formazione del tessuto osseo. Un minerale che nel corso del metabolismo della calcificazione è indispensabile più del calcio e di altri minerali.

Oltre ad assumerlo quotidianamente sotto forma di integratore, previo consulto medico, si può assimilare da alimenti quali: verdure a foglia verde, asparagi, cavoli, cetrioli, frutti di mare, crostacei, cereali integrali.

Per approfondimenti: Le vitamine che aiutano a rigenerare le cartilagini, rafforzano le ossa e leniscono il dolore alle ginocchia

 

Condividi: