Frullato diuretico: come preparare un infallibile rimedio naturale che aiuta ad eliminare il grasso in eccesso in 1 settimana

In caso di grasso in eccesso si può stimolare il dimagrimento con uno strategico frullato diuretico che aiuta a bruciare i grassi in tempi rapidi.

Il segreto di questa portentosa ricetta consiste nella presenza di un ingrediente come il melone, che è ricco di nutrienti preziosi utili non solo per dimagrire, ma anche per fare scorte di vitamine.

Il melone è un frutto non solo rinfrescante ed energetico ma è anche un toccasana per la linea, per questo si può aggiungere per preparare dei frullati dal potere diuretico che aiutano a perdere peso.

Frullato diuretico al melone- come si prepara

Frullato diuretico al melone: come si prepara

Per preparare il frullato al melone si devono frullare insieme 3 grandi fette con il succo di mezzo limone e 3-4 foglie di menta fresca.

Il frullato una volta pronto si deve bere subito ed a stomaco vuoto. In questo modo si possono sfruttare al meglio le sue virtù, a partire dalla sua capacità di convertire il grasso in energia.

Il frutto mette a disposizione una buona concentrazione di vitamina C, una sostanza vantaggiosa per trasformare il grasso in energia.

In più la vitamina C permette anche di accelerare il metabolismo, in modo da stimolare una maggiore perdita di peso.

Questo frullato diuretico si dimostra anche una bevanda idratante in grado di assicurare a tutto il corpo la giusta quota di elettroliti che equilibrano i livelli di fluidi nelle cellule.

Grazie a quest’azione l’organismo provvede ad espellere i fluidi accumulati che causano il gonfiore nei punti critici del corpo.

Oltre ad essere un potente frullato diuretico e detox, è anche un prezioso concentrato di antiossidanti che contrastano i radicali liberi evitando così la possibile insorgenza di infiammazioni.

Se si consuma abitualmente il melone nel proprio regime alimentare si avrà un’arma in più per ridurre i livelli di un agente infiammatorio che è responsabile sia dell’obesità sia del diabete.

Leggi anche:

Condividi: